Biotecnologie per Bevande e Alimenti

TRU A

A seguito della riforma OCM vino del 2006, viene approvato il Reg. CE 1507, nel quale si consentel'utilizzo dei trucioli in enologia. L'Italia recepisce la norma europea attraverso un decretoministeriale, ma vieta l'utilizzo dei trucioli, nei vini DOP (prima DOC e DOCG). Entrambe le normative e successive modifiche, autorizzano i trucioli estratti esclusivamente daalberi della specie “Quercus”. BIOTEC, ha selezionato pezzature e tostature, secondo rigidiparametri di tracciabilità del prodotto, per offrire alla nostra clientela qualità e vantagginell’utilizzo dei frammenti, sia in aggiunta al mosto in fermentazione, che al vino durante l’affinamento.

TRU A sono parti di legno, da "QuercusAlba" di rovere americano (Stati Uniti),lavorati in diverse frammentazioni etostature. Noi consigliamo TRU A atostatura media e in frammenti didimensioni: Larghezza 5/8mm -Lunghezza 8/10mm - Altezza 2/5mm. ITRU A proposti da Biotec, non sonoaddizionati da aromatizzanti, netantomeno subiscono trattamentidiversi rispetto al riscaldamento, oltre adessere esenti da qualsiasi lavorazione dicombustione e carbonizzazione.

ARRICCHIMENTO DELLE NOTE GUSTATIVE E OLFATTATTIVE

Le note di vaniglia e whisky, con sprazzi di liquirizia, caramello e cocco, rappresentano lacaratteristica principale dei TRU A, che apportano altresì, un arricchimento in ellagitannini, utilialla conservabilità nel tempo del colore e delle note olfattive.

TRU A caratteristiche

L'uso dei TRU A offre ai vini un grandeimpatto organolettico a breve termine, oltrealla cessione rapida di aromi. Infatti, il legnodi Rovere grazie ai composti estratti che è ingrado di cedere, concorre alla formazionedell'aroma stesso. L’utilizzo in fermentazionedei TRU A consente un miglior impattosensoriale del legno, mentre in affinamento,apporta una notevole aromatizzazione e unmaggior effetto strutturale dei vini. Dopo iltrattamento i trucioli vengono separati dalvino per travaso e successiva filtrazione.

DOSAGGI E PRATICHE DI UTILIZZO

La scelta della dose ottimale, così come i tempi di contatto, devono tener conto di vari fattori,come la quantità di sostanze estrattive presenti nei trucioli, il grado di tostatura, il tipo di vino,le note di legno più o meno marcate che si vuole conferire al vino stesso, le dimensioni deitrucioli, ecc.

IN FERMENTAZIONE: sui vini rossi la quantità varia da 1 a 5g/l (100/500g.hl), nei bianchi ildosaggio è compreso tra 2 a 8g/l (200/800g.hl). E’ chiaro che le dosi più elevate comportano unaumento delle note di legno apportate al vino.

IN AFFINAMENTO: sia sui vini bianchi che sui rossi, valgono gli stessi dosaggi e le stesseindicazioni suggerite in precedenza, con un dosaggio massimo legale di 20g/l.TEMPI DI

CONTATTO: dipendono sempre dal risultato che si vuole ottenere. Per nostraesperienza più del 90% del potenziale estrattivo dei trucioli, si ottiene con 10gg di contatto.

CONFEZIONI: sacchi da 10Kg con retino infusione alimentare all’interno.

Letto 1131 volte